Naked

Studi nudi d'Improvvisazione Teatrale

Naked 2017-06-02T14:56:03+00:00

INFO

  • Prodotto da: AST Company
  • Patrizio Cossa e Fabrizio Lobello
  • Regia: Giorgia Giuntoli
  • Luci/suono: Barbara Sperandii
Rassegna stampa Ottobre 2016

Due attori, un luogo, cinquanta minuti a disposizione.
Tutto rigorosamente improvvisato.

Lo spettacolo Naked nasce da un progetto/ricerca iniziato nel 2013 sul teatro improvvisato – dal titolo Studi nudi d’Improvvisazione Teatrale – basato sull’analisi dell’esasperazione del lavoro dell’attore.
Gli attori vengono spogliati di tutto ciò che contribuisce normalmente alla messa in scena: non ci sono costumi, non c’è quarta parete, non c’è scenografia.
Ma soprattutto non c’è testo scritto.
Tutto è rigorosamente improvvisato.
Gli attori ogni sera sono “nudi”, solo con la propria capacità di creare personaggi e storie, senza nessuna rete di protezione.

L’essenza stessa delle relazioni moderne, ogni sera diversa da quella precedente, ogni volta unica e irripetibile.

Il pubblico partecipa così ad una vera e propria epifania: gli attori a nudo con loro stessi non possono fare altro che immergersi e vivere i loro personaggi senza più confini di immedesimazione; diventano al contempo attori, sceneggiatori, autori, registi.
Al cinquantesimo minuto la storia deve finire.

Prima dell’entrata degli attori, una persona presa dal pubblico dispone in scena gli oggetti di base: un tavolo e due sedie.
Quello sarà il set dal quale gli attori, una volta entrati, prenderanno spunto per l’inizio della storia.

Per saperne di più contattaci